Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Eva Riccobono madrina della 70esima Mostra del cinema di Venezia

L’attrice Eva Riccobono sarà la madrina delle serate di apertura e di chiusura della 70. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Eva Riccobono ©Giovanni Gastel

Eva Riccobono aprirà la 70. Mostra nella serata di mercoledì 28 agosto, sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido), in occasione della cerimonia di inaugurazione, seguita dalla proiezione in 3D del film di apertura (fuori Concorso) Gravity, diretto da Alfonso Cuarón e interpretato da Sandra Bullock e George Clooney, una produzione Warner Bros. Pictures.

Eva Riccobono nasce a Palermo, da padre italiano e madre tedesca.Top model del panorama internazionale, richiesta dai più importanti fotografi del mondo come Bruce Weber, Arthur Elgort, Patrick Demarchelier, Mario Testino, Gilles Bensimon, Annie Leibovitz.

Sul piccolo schermo debutta nel 2002, affiancando Fiorello nel programma "Stasera pago io". Sette anni dopo, infatti, Fiorello la richiama per il suo nuovo show  “Il più grande spettacolo dopo il week end”.

Debutta cinematograficamente nel 2008 al fianco di Carlo Verdone nella commedia Grande Grosso e Verdone, film a episodi in cui interpreta il ruolo di Blanche, donna dei sogni del protagonista.
Nel 2012 interpreta una prostituta eroinomane nel discusso ma premiato film di Paolo Franchi E la chiamano estate, vincitore del premio per la miglior regia al Festival Internazionale del Film di Roma.
vince il  Ciak d’Oro come miglior attrice non protagonista nel 2013 grazie al ruolo di Simonetta nel film di Marco Ponti Passione Sinistra. Parallelamente ottiene una nomination ai Nastri d’Argento nella stessa categoria. Sempre nel 2013 è interprete del film di Luigi Cecinelli Niente può fermarci, pellicola che affronta il tema della paura verso il futuro da parte del mondo giovanile, in chiave di commedia scacciapensieri. Infine, ha da poco ultimato le riprese del nuovo film di Renato De Maria, La vita oscena, tratto dall’omonimo romanzo di Aldo Nove.